XII Domenica Tempo Ordinario – 20 Giugno 2021

INTRODUZIONE ALLA LITURGIA

Nella vita sono molte le tempeste da affrontare. Ogni volta sembra che tutto sia perduto e misuriamo così la debolezza della nostra fede! Talvolta ci illudiamo di aver fiducia nel Signore mentre ci appoggiamo solo sulle sicurezze umane, che vacillano al primo soffiare della prova. Gesù è lì, ogni volta, con la sua presenza e con la potenza della sua parola.
Chiediamo a lui il dono di fissare sempre in lui il nostro sguardo, per continuare la nostra avventura di credenti senza lasciarci abbattere dagli ostacoli che incontriamo sul nostro cammino.

† Vangelo
Dal vangelo secondo Marco
Mc 4,35-41

In quel giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.
Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciava-no nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?».
Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».
E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?».
Parola del Signore.

Lode a te o Cristo

Scarica il Messalino:

20 Giugno 2021.pdf