I° Domenica di Avvento – 28 Novembre 2021

INTRODUZIONE ALLA LITURGIA

Un nuovo anno liturgico ha inizio, non ci può lasciare indifferenti. Attendere il ritorno del Signore nella speranza vigilante è la proposta di questa prima domenica del tempo di Avvento. Attesa di un ritorno anche se imprevedibile, sicuro anche se non conosciuto. Attesa di Dio, attesa della manifestazione della sua misericordia che è amore che ci avvolge e ci custodisce. Attesa di una Presenza che è già parte della nostra vita e che la liturgia dell’Avvento ci invita a contemplare nella nostra vita di tutti i giorni.

Dal vangelo secondo Luca
Lc 21,25-28.34-36

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».
Parola del Signore.

Lode a te o Cristo

Scarica il Messalino:

I Avvento.pdf